Il nuraghe, sito archeologico sardo per eccellenza

Rete Ecoturismo Sardegna, il turismo alternativo nell’Isola

La natura incontaminata della Sardegna offre paesaggi unici e tantissime possibilità di scoperta ed esperienze per il turismo attivo, spesso però manca una “regia” che metta a sistema un prodotto di destinazione nel mercato. Una rete di imprese profondamente ispirate e impegnate nei principi della sostenibilità ha creato la Rete Ecoturismo in Sardegna. Conosciamola meglio!
Total
57
Shares

L’ecoturismo è un modo alternativo di concepire le attività turistiche, che in Sardegna ha trovato la sua “voce” più importante tramite la creazione della Rete Ecoturismo Sardegna, una rete di imprese dedita alla creazione di un turismo nuovo e responsabile a beneficio di tutti. In un momento poi come questo di emergenza Covid-19, senza nessuna certezza sul ripristino dei flussi turistici e della mobilità a cui eravamo abituati, ma anche determinato dai cambiamenti climatici e ambientali sempre più visibili, il turismo sostenibile e responsabile diventa sempre più una scelta per molti viaggiatori e tipi di viaggi.

Cosa si intende per Ecoturismo?

Ma prima di raccontarvi questa storia in Sardegna, facciamo come sempre un bel salto indietro. Cosa si intende precisamente con il termine ecoturismo? Durante il Summit Mondiale sull’Ecoturismo del 2002 è stata redatta la Dichiarazione di Quebec sull’Ecoturismo, che fa chiarezza:

I partecipanti al Summit Mondiale sull’Ecoturismo riconoscono che l’ecoturismo racchiude i principi del turismo sostenibile, riguardanti gli impatti economici, sociali ed ambientali del turismo.
L’ecoturismo comprende però anche i seguenti principi specifici, che lo distinguono dal più ampio concetto di turismo sostenibile:

  • Contribuisce attivamente alla conservazione dell’eredità naturale e culturale
  • Include le comunità locali ed indigene nella sua progettazione, sviluppo e svolgimento, contribuendo al loro benessere
  • Interpreta l’eredità naturale e culturale della destinazione per i visitatori
  • Si presta meglio ai turisti indipendenti e ai tour organizzati per piccoli gruppi di turisti.

Le esperienze della Rete Ecoturismo Sardegna

La Rete Ecoturismo Sardegna nasce nel novembre 2019, dall’iniziativa e sensibilità di alcuni operatori turistici, al fine di realizzare un’aggregazione di imprese sarde che potesse sfruttare le opportunità legate a modelli sostenibili, per poter crescere con un progetto di squadra e creare offerte green e sostenibili. La rete di imprese ha oggi raggiunto 50 membri, tra professionisti, cooperative ed imprese e, recentemente, si è presentata in tutte le sue peculiarità nella pagina facebook di Rete Ecoturismo Sardegna nell’iniziativa, “Felici di presentarci”.

Abbiamo raccolto per voi alcune delle attività della rete perché vogliamo raccontare che sì, un’offerta turistica responsibile e sostenibile in Sardegna già esiste, riscuote tra l’altro un certo successo, e non aspetta altro che essere scoperta dai viaggiatori più attenti.

Esperienze Digital Detox con Logout Livenow

Un momento di relax durante una delle esperienze di Digital Detox di Logout Livenow
  • Logout live now – digital detox experience offre esperienze giornaliere e week-end “digital detox”, per staccare la spina da smartphone, pc & co e imparare a gestire meglio l’utilizzo di questi strumenti. Le sessioni, in genere della durata di un weekend, vengono organizzate e si svolgono in varie località della Sardegna, tra cui: Alghero, Dorgali e Lollove (ne abbiamo parlato nell’articolo dedicato!). Con Logout Live Now potrai finalmente “disconnetterti” per dedicarti a varie attività come: yoga, kayak, passeggiate, cooking class e seminari di benessere digitale. Un’esperienza unica che ti permetterà di staccare la spina, scollegarti volontariamente da internet e dai ritmi frenetici della tua vita, per riconnetterti con se stessi e la natura.

Per info e prenotazioni, qui vai sul sito di Logout Livenow

Dolphin Watching in Sardegna con Mare Terra Group/Progetto Natura

Uno degli avvistamenti di dolphin watching in Sardegna nelle escursioni di Mare Terra Group/Progetto Natura, Alghero.
  • Gli amici di Mare Terra Group permettono di vivere il mare con gli occhi di uno scienziato e partire alla ricerca dei delfini di Alghero, un’esperienza memorabile che avvicina sempre di più viaggiatori e visitatori al mare e ai suoi equilibri. Esperienza nata con Progetto Natura (a cui avevamo dedicato un pezzo proprio qui), Mare Terra Group è l’associazione no profit che organizza le escursioni di Dolphin Watching nella Costa Algherese, i cui proventi vanno reinvestiti in attività di ricerca. Oltre a conoscere ogni delfino censito e ad imparare ritmi e linguaggi, ti tufferai letteralmente in un mare di biodiversità, quindi preparati a indossare maschera e pinne per lo snorkeling guidato!

Per info e prenotazioni, vai al sito di Progetto Natura.

Escursioni ed Esperienze Ecoturismo ad Orosei con Blue & Green Best

Una delle esperienze della Blue & Green Best, la mungitura tradizionale delle capre
  • Blue & Green Best ti farà vivere le bellezze del territorio di Orosei attraverso un’offerta autentica di escursioni ed esperienze. Al largo delle acque del Golfo Orosei potrai ammirare meravigliose creature marine come balene e delfini, oppure fare snorkeling all’interno delle grotte che sono state l’habitat naturale della Foca Monaca. Se hai voglia di esplorare le montagne e scoprire le tradizioni sarde avrai l’opportunità di conoscere un amico pastore che parlerà del suo lavoro e delizierà il nostro palato con uno spuntino prelibato a base di prodotti locali.

Per info & prenotazioni, vai al sito Blue & Green Best.

Escursioni in vigna e degustazioni di Cannonau Biologico nella Cantina Sa Pruna

Due Buoi nelle vigne della Cantina Sa Pruna, esperienze ecoturismo in cantina a Jerzu, Sardegna
  • Cantina Sa Pruna è una piccola azienda vitivinicola a conduzione familiare che si trova in località Perdarba a Jerzu, in Ogliastra. I proprietari si propongono di portare avanti la tradizione del paese, da sempre dedito alla produzione del Cannonau. La produzione avviene utilizzando un sistema integrato, a basso impatto ambientale, e il loro obiettivo è quello di arrivare a produrre vini completamente biologici. Potrai visitare le vigne della cantina, per scoprire come nascono questi vini autentici e unici, per poi degustare l’ottimo Cannonau accompagnato dalle prelibatezze locali.

Per info e prenotazioni, visita la pagina Facebook della Cantina Sa Pruna.

Escursioni alla scoperta di territori e tradizioni

La natura selvaggia e autentica della Sardegna è perfetta per essere esplorata attraverso escursioni guidate di trekking, mountain bike, kayak: vediamo alcune possibilità offerte dalla Rete Ecoturismo Sardegna!

Ebike in Ogliastra con Sardinia E-Motion

Una visita di una “pinnetta”, antica costruzione pastorale in Sardegna – nel territorio dell’Ogliastra con Sardinia E-Motion
  • Sardinia e-motion è una società che offre escursioni in E-Bike locata nel territorio di Ulassai, un luogo incantato, incastonato tra gli spettacolari tacchi d’Ogliastra, dove la natura si esprime in tutta la sua bellezza! Questa è una zona adatta ad un turismo lento, esperienziale e di comunità, ideale per vivere il territorio in una maniera più consapevole e diretta. Con un occhio sempre attento alla cooperazione con le realtà locali, organizzano anche visite guidate nel Museo a cielo aperto di Ulassai ideato da Maria Lai e tour turistici legati al Trenino Verde.

Per Info e prenotazioni, vai al sito di Sardinia E-Motion.

Per le vie della transumanza in Sardegna con Sardaigne En Liberté

Un momento della transumanza, tra le esperienze ecoturismo di Sardaigne en Liberté.
  • Sardaigne en liberté offre esperienze giornaliere, soggiorni di 3-4 giorni o settimanali in Sardegna sul principio del turismo lento, ecologico ed etico, in completa disconnessione dalla vita frenetica cittadina. I loro itinerari si svolgono principalmente in Ogliastra alla scoperta di villaggi antichi tra flora, fauna e mare incontaminato. Tra le attività offerte vi sono escursioni in bici elettrica, a piedi e in catamarano, ma la più particolare è quella a cavallo degli asini sardi! Le loro esperienze hanno lo scopo di valorizzare le tradizioni della Sardegna offrendole ai turisti.

Per Info e prenotazioni, vai al sito di Sardaigne en Liberté.

Alla scoperta delle aree Umido-Costiere del Sinis con Alea Ricerca & Ambiente

Una delle escursioni guidate di Alea Ricerca & Ambiente nella Penisola del Sinis, Sardegna
  • Alea ricerca & ambiente: offre tour guidati alla scoperta della Penisola del Sinis, luogo di panorami insoliti ed affascinanti, in bici tra i profumi della macchia mediterranea, in kayak sulle acque delle lagune costiere, a piedi tra i quarzi delle spiagge dell’Area Marina Protetta “Penisola del Sinis – Isola di Mal di Ventre”. Li potete trovare a Cabras, dove potrai apprezzare insieme a loro gli spazi aperti e la dimensione antica di questo territorio della Provincia di Oristano, estraneo al turismo di massa. Porterete con voi, per sempre, il ricordo di salsedine, vento, profumi e silenzi.

Per info e prenotazioni, vai al sito di Alea Ricerca & Ambiente

Accoglienza autentica e responsabile

Ovviamente in un’offerta turistica non possono mancare le strutture ricettive: quelle che fanno parte della Rete Ecoturismo Sardegna sono piccoli alberghi a conduzione familiare, B&B, appartamenti e alberghi diffusi che hanno come fattore comune l’attenzione verso l’ambiente, la valorizzazione dell’eredità culturale locale e un’attenzione particolare verso i visitatori. Ecco qualche esempio!

L’Antica Locanda Lunetta che ospitò D.H. Lawrence nel 1921

Una Camera della Antica Locanda Lunetta, B&B di Charme a Mandas
  • L’Antica locanda Lunetta nasce dalla ristrutturazione di un vecchio casale del 1600, dagli eredi deI proprietario dell’Albergo Lunetta di Mandas, che ospitò nel 1921 D.H. Lawrence in occasione del suo viaggio in Sardegna, immortalato nelle pagine del libro dal titolo Sea and Sardinia. Gli ospiti della struttura possono ripercorrere i passi del famoso scrittore, rivedere gli stessi paesaggi, provare le sue emozioni. I proprietari vi accoglieranno rendendovi partecipi della vita del piccolo paese di Mandas con le sue feste, la cucina tipica, le sue tradizioni locali, in un’atmosfera familiare e di condivisione.

Per info e prenotaziono, vai al sito della Locanda Lunetta.

Bisos, la prima dimora storica 100% sostenibile in Sardegna

Bisos, in sardo “sogni”, è un albergo diffuso nel piccolo borgo di Paulilatino, in Sardegna
  • Bisos (in sardo “Sogni”) è un albergo diffuso che sorge in un piccolo borgo al centro della Sardegna, Paulilatino, famoso tra le altre cose per lo spettacolare pozzo nuragico di Santa Cristina. L’antico palazzo, struttura principale, risale al 1860 ed è diventato oggi la prima Dimora Storica 100% ecosostenibile. Una struttura ricettiva unica: restaurata secondo i principi della bioedilizia, NZEH a energia quasi zero, senza emissioni e ricca di storia e cultura sarda. Le camere offrono particolari unici: le volte a vela in mattoni, i soffitti affrescati, i pavimenti policromi, le colorazioni naturali delle lane sulle testate dei letti. Una grande cura per i dettagli contribuisce a creare un servizio unico e perfetto.

Per info e prenotazioni, vai al sito di Bisos.it.

La Locanda Minerva tramanda gli antichi saperi

Un momento esperienziale di lavorazione del “filindeu”, tipica pasta per la minestra lavorata con semola di grano duro secondo la tradizione in Sardegna, alla Locanda Minerva, Villanova Monteleone, Sassari – Sardegna
  • La locanda Minerva: è un palazzo storico riconvertito in struttura ricettiva nell’oasi naturalistica di Monte Minerva (vedi il sito) nel sassarese, all’interno dell’area SIC del “Grifone”. Organizzano numerose proposte esperienziali in collaborazione con esperti e professionisti che amano condividere le proprie abilità per trasmettere saperi antichi. Alcuni esempi sono: il laboratorio per la realizzazione del pane decorato (Pane Pintadu), corsi di cucina tipica sarda, assistere alla preparazione del formaggio con il pastore o passeggiate alla scoperta delle erbe selvatiche e del loro uso nella medicina popolare. La locanda dispone di confortevoli stanze e di un ristorante che propone una cucina dai sapori autentici, con i prodotti freschi e stagionali del territorio e le produzioni di eccellenza della Sardegna.

Per Info e prenotazioni, vai al sito della Locanda Minerva.

Come nasce la Rete Ecoturismo Sardegna?

Raccontare la Sardegna in chiave contemporanea e sostenibile, basandosi sugli elementi di tipicità che possono distinguerci.

Mission – Rete Ecoturismo Sardegna

Noi di AperiTurismo volevamo sapere di più di questo “unicum in Sardegna” e abbiamo avuto il piacere di intervistare Andrea Vallebona, amministratore della società Rete Gaia Srl, esperto di pianificazione territoriale e progettazione partecipata, che ha accompagnato e sostenuto la realizzazione della Rete fin dai suoi primi passi. Da lui ci siamo fatti raccontare la nascita della Rete e quali sono gli obiettivi a breve e lungo termine di questo progetto davvero interessante ed ambizioso.

Andrea Vallebona – Amministratore Rete Gaia Srl

L’idea di realizzare la Rete Ecoturismo Sardegna nasce nel novembre 2019, dall’iniziativa di alcuni operatori turistici, al fine di realizzare un’aggregazione di imprese sarde che potesse sfruttare l’opportunità di partecipare ad un bando regionale per il finanziamento delle reti turistiche.

Andrea Vallebona ha accompagnato la costituenda Rete nella definizione partecipata del progetto e nello sviluppo del sistema complessivo di relazioni interne ed esterne della Rete. Nei primi mesi si sono tenuti diversi incontri in presenza con i primi partner, poche persone che in breve tempo sono arrivate a essere una ventina prima del blocco determinato dall’emergenza COVID-19.

Il bando regionale al quale si intendeva partecipare viene posticipato, ma questa “battuta d’arresto” ha dato molto tempo agli operatori per lavorare insieme (chiaramente “in smart-working”) e soprattutto ha dato loro la possibilità di prendere pienamente coscienza dell’importanza ancora maggiore di fare rete in tempo di crisi, di condividere una lettura forte e solida della rete che si stava creando.

L’aspetto più complesso, ma insieme di maggior valore, ha riguardato la riflessione sulla possibilità di qualificare in modo concreto ed efficacemente comunicabile la comune attenzione dei partner verso la realizzazione di un’offerta di turismo autenticamente sostenibile.

Una ulteriore ma non meno importante attenzione nella realizzazione della Rete  ha riguardato la generazione di un’esperienza comune, di convinzioni e valori condivisi, di proposte concrete, finalizzate a generare anche un nuovo modo di pensare alla Sardegna come destinazione turistica, mettendo in evidenza qualità e organizzazione che possano intercettare le sensibilità di un turismo attivo, culturale, esperienziale, sostenibile.

Qual è la visione dell’Ecoturismo propria della rete?

“La dimensione ecoturistica per la rete è fondante e determina che ogni attività debba essere coerente, inserita in un sistema di “produzione” sostenibile, in un rapporto stretto e solidale con il contesto socio culturale nel quale si sviluppa”, spiega la visione della Rete Andrea.

Per questo motivo che la Rete ha intenzione di realizzare un proprio sistema di qualità ambientale, utile per rappresentare verso l’esterno in modo chiaro l’impegno delle imprese partner e per sviluppare una costante crescita di consapevolezza, capacità e competenze, fondamentali per la riuscita del progetto comune.

Un altro aspetto fondamentale per fare ecoturismo è quello relativo alla sostenibilità, legata al contesto territoriale e sociale in cui si svolge: l’attività turistica deve generare benefici sul territorio durevoli ed equi senza intaccare la struttura sociale e l’autenticità dei luoghi.

I valori della Rete Ecoturismo Sardegna: la sostenibilità è la base della visione turistica della Rete
La Rete Ecoturismo Sardegna fonda la propria identità su una serie di valori condivisi, tra i quali il più importante è la sostenibilità

Qual è lo stato attuale della Rete? Quali gli sviluppi futuri?

Ad oggi si contano circa 50 imprese partner, un numero importante che rappresenta una base solida, un gruppo che come dicevamo ha la sua vera forza nella condivisione di valori e visione.

La crescita della Rete è continua ma graduale, si è infatti scelto di salvaguardare la cultura interna condivisa attraverso il lungo percorso svolto insieme.

La costituenda Rete si costituirà entro la prima settimana di ottobre nella forma del “contratto di rete di imprese”, con l’obiettivo di mettere insieme capacità, risorse, (obiettivo concreto e oggettivo), ma anche una visione condivisa di sviluppo e di valori nel lavoro, capace di informare l’organizzazione interna e le relazioni tra le persone.

Il prossimo passo sarà la definizione di prodotti turistici distintivi e concorrenziali sul mercato internazionale, attraverso l’impegno di gruppi di lavoro interni alla rete.

Per commercializzare i prodotti realizzati sarà un portale web realizzato ad hoc, indispensabile per la distribuzione a livello internazionale.

Noi di AperiTurismo seguiremo da vicino gli sviluppi per raccontarvi la crescita della Rete Ecoturismo Sardegna, con la speranza che possa crescere sempre più diffondendo nel mondo del turismo sardo i principi della sostenibilità e in particolare dell’Ecoturismo, importantissimi per creare condizioni favorevoli ad uno sviluppo responsabile e condiviso del turismo in Sardegna.
Stay tuned!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Registrati alla nostra Newsletter

Ti informeremo su progetti, ricerche, statistiche ed eventi di AperiTurismo! Stay tuned!

Potrebbe piacerti anche